Come fotografare la luna di giorno

2012-08-09
luna-nascente
Media voti utenti

(5 / 5)

5 5 3
Vota questo articolo

3 utenti hanno votato

Articoli correlati:
  • great_falls_startrails

    Come fotografare le stelle e la rotazione celeste

  • NMP869

    Come fotografare le cascate

  • IMG_2159_SP

    Come Fotografare ai Matrimoni

  • _MG_5267

    Come Scattare un Ritratto

  • Fuochi sul fiume

    Come fotografare i Fuochi d’Artificio


La luna è sempre stata un soggetto ambito nella fotografia, poiché evoca poesia, romanticismo e mistero; inoltre è l’elemento che più viene cercato dagli astrofotografi alle prime armi, in quanto rappresenta il primo approccio con il Firmamento.

Metodo

Step 1

Come primo passo, bisogna valutare tre cose: la visibilità della luna (non tutti i giorni infatti si vede, e non sempre nello stesso posto causa naturale rotazione terrestre), le condizioni atmosferiche (sempre meglio un cielo limpido per avere più possibilità di provare e riprovare gli scatti) e la distanza della luna rispetto a noi: niente di complicato, basta scegliere un momento in cui ci pare più vicina del solito (basta informarsi su qualche sito astronomico dove solitamente ci sono news su fenomeni astronomici particolari). Purtroppo la prospettiva rispetto agli altri elementi dell'ambiente è ben differente a causa della lontananza del satellite, perciò non bisogna farsi ingannare dall'occhio umano ma affidarsi a quanto più lunghe possibili focali.

Step 2

Come minimo bisognerà utilizzare una lunghezza focale pari a 50mm, meglio ancora se ci si può permettere di possedere obiettivi zoom che arrivano a 200mm o 300mm: con loro si possono certamente ottenere fantastici primi piani del satellite. Chi potrà avere un telescopio con adattatore per la propria macchina fotografica sarà ancora più agevolato nelle varie composizioni.

Step 3

Per quanto concerne l'esposizione, è importante non lasciarla settata automatica, ma gestirla manualmente nella modalità apposita (manuale, appunto); infatti la luna, essendo un corpo luminoso, rischia di risultare solo un disco bianco nella foto finale. Bisognerà quindi fare diverse prove fino a raggiungere un buon risultato. Nello stesso tempo bisogna prestare attenzione alla profondità di campo ed al tempo di scatto: il diaframma può essere lasciato anche ad un'apertura di f/5.6 (come minimo, ma si può impostare anche un valore più alto), ma per ottenere qualche dettaglio del corpo celeste (i crateri), è necessario utilizzare tempi di scatto di almeno 1/200, a seconda della luminosità della luna.

Step 4

Bisogna ricordare di controllare gli ISO e tenerli bassi, perché disturberebbero lo scatto con la grana del rumore; inoltre è fondamentale scattare sempre in RAW, poiché questo formato madre della fotografia digitale permette ad ogni foto di essere elaborata con i software avanzati di grafica (come Photoshop) per aggiustare alcune caratteristiche della foto, contrastare il soggetto, sistemarne la luminosità e molto altro.

Step 5

Infine, un piccolo trucchetto (che non sarà una novità ma è sempre meglio ricordarlo!) sta nel croppare la fotografia, eliminando le parti eventualmente inutili della scena e concentrarsi sulla bellissima luna. Ovviamente l'operazione è da effettuare con una certa attenzione e "coscienza", poiché un crop troppo spinto causerebbe la sgranatura della fotografia finale: perciò per evitare ogni incoveniente, salviamo sempre in TIFF (formato ideale per la stampa) la foto dopo l'elaborazione RAW, e procedere con gli esperimenti di taglio.

 

Commenti

Inserisci un Commento