Come fotografare quadri

2012-05-17
fotografare_quadri
Media voti utenti

(5 / 5)

5 5 9
Vota questo articolo

9 utenti hanno votato

Articoli correlati:
  • great_falls_startrails

    Come fotografare le stelle e la rotazione celeste

  • NMP869

    Come fotografare le cascate

  • IMG_2159_SP

    Come Fotografare ai Matrimoni

  • _MG_5267

    Come Scattare un Ritratto

  • Fuochi sul fiume

    Come fotografare i Fuochi d’Artificio


Fotografare un quadro richiede degli accorgimenti particolari, soprattutto in termini di illuminazione del soggetto.

E’ consigliabile effettuare gli scatti in studio dove, un corretto posizionamento delle luci, renderà la foto il più possibile fedele alla realtà.
Vediamo il corretto iter lavorativo da seguire per le foto in studio:

Metodo

Step 1

Posizionare il quadro su una parete o su un supporto perfettamente verticale, utilizzando una focale 50mm:

Step 2

posizionare la fotocamera su un cavalletto stabile e perfettamente in bolla con il puntamento al centro esatto del quadro: così facendo otterremo che gli angoli del soggetto siano esattamente a 90°, evitando quindi spiacevoli effetti trapezoidali;

Step 3

sullo stesso piano della fotocamera andare a posizionare le luci: queste dovranno essere almeno quattro ed essere poste a 45° rispetto all'asse fotocamera-quadro in modo che illuminino il soggetto in maniera uniforme;

Step 4

evitare che qualsiasi altra fonte di luce, come ad esempio una finestra, incidano sulla scena. Le sole luci che illumineranno tutto devono essere quelle dei quattro faretti;

Step 5

a questo punto è necessario misurare la giusta esposizione. Potrete ottenere i parametri corretti grazie ad un esposimetro separato a luce incidente. In mancanza di tale dispositivo potete effettuare l'operazione con il classico cartongino grigio, esponendo su di esso;

Step 6

al tempo ottenuto con l'esposizione manuale andrà abbinato il giusto diaframma. In questo caso la fotografia di un quadro non richiede molta profondità di campo, per cui il diaframma andrà aperto su valori di 5, 6 o 8, ottimali per far entrare la giusta quantità di luce senza che la lente perda qualità;

Step 7

una volta tarata l'esposizione dovremo effettuare anche la giusta taratura del bilanciamento del bianco. Questa fase è fondamentale perchè la resa dei colori sial al massimo fedele alla realtà. Tale bilanciamento potrà essere fatto semplicemento mettendo un foglio bianco dinanzi al soggetto e scattando una foto. A questo punto la fotocamerà verrà tarata affinchè il bianco sia bianco rispettando così tutte le altre sfumature della gamma tonale:

Step 8

cercate di mantenere gli ISO su valori molto bassi, 100 o 200 al massimo per evitare comparsa di rumore digitale sulla fotografia;

Step 9

siamo arrivati allo scatto: per evitare il fastidioso micromosso è importante che usiate l'autoscatto, possibilmente con un telecomando a distanza per ridurre assolutamente al minimo le vibrazioni della fotocamera. E' assolutamente proibito l'uso del flash, inutile in questo caso.

Seguendo queste iter otterrete dei buoni scatti. Consigliamo sempre e comunque di scattare in RAW e di ritoccare dove serve l’immagine con un buon programma di fotoritocco.
In alternativa allo studio si può sempre utilizzare la luce naturale, avendo però l’accorgimento di effettuare la foto in ombra per evitare bruciature ed effetti cromatici indesiderati quando il soggetto viene colpito dalla luce diretta del sole.

Commenti

  1. scritto da gianni stangherlin il 26/10/2012

    non c’è la descrizione delle lampade , che tipo che potenza.
    Grazie

  2. scritto da Matteo La Porta il 26/10/2012

    Ciao Gianni,

    la scelta della luce dipende da molti fattori e difficile pertanto definire uno standard.
    Normalmente chi scatta in studio è già dotato di flash con stativi e softbox per ammorbidire le ombre.
    Nel caso in cui tu stia valutando di acquistare dei flash da studio mi sento di consigliarti tre modelli:

    • Elinchrom D-Lite 4 it Studio To Go
    • Lastolite Lumen 8 SV 400W
    • Interfit EXD200 Home Studio

    Questi tre modelli vanno dai 760,00€ del Elinchrom ai 490,00€ del Interfit.
    Sono tre prodotti ottimi e dai prezzi contenuti ma alte prestazioni, tutti e tre hanno una gamma potenza di 5 stop, per i primi due la Luce di modellazione e di 100W mentre per il più economico EXD200 solo 60W che sono però più che sufficienti per un piccolo studio in casa.
    La potenza massima delle testa esprime 400W nei primi 2 casi e 200W nel terzo; il valore più importante resta comunque il Numero Guida NG, in questo caso però abbiamo 3 valori differenti:

    • Il 4 it Studio to Go a un NG=64
    • L’SV 400W a un NG=60
    • L’EXD200 Home Studio a un NG=45

    Secondo questi parametri, le dimensioni del locale che vuoi allestire a studio e le tue disponibilità finanziarie tra questi tre flash troverai senz’altro il modello che fa al caso tuo e che ti potrà permettere di ottenere scatti professionali per qualunque tipo di scatto in studio.

    Ciao

    Matteo

  3. scritto da Samantha il 19/05/2015

    E se sei ad un vernissage, in mezzo ai partecipanti e 1. non puoi fare il cavalletto e 2. non puoi usare le tue luci, che fai?!

  4. scritto da mauro il 22/06/2015

    ciao, volendo fotografare anche dei quadri con il vetro posto davanti le luci verranno riflesse , quindi conviene usare una luce naturale o consigli sempre delle lampade?

  5. scritto da Fabio Raiteri il 02/07/2015

    Ciao Samantha,
    innanzi tutto ti ringraziamo per aver letto il nostro articolo e per la domanda.
    Direi che se ti trovi in quella condizione non hai molte alternative. Purtroppo se non puoi usare il cavalletto la cosa sicuramente da fare è utilizzare un tempo di esposizione molto basso per evitare il mosso; ma allo stesso tempo utilizzando tempi bassi avrai meno luce in ingresso al sensore (considerando poi che l’ambiente sarà piuttosto buio o comunque all’interno di un edificio), per cui potresti ottenere foto troppo scure.
    Diciamo che non è un ambiente proprio ideale per are foto di alta qualità ma diciamo che se possiedi una buona reflex (professionale) potresti giocare su differenti impostazioni che possono diventare anche complesse.
    Il consiglio generale che potrei darti è di utilizzare ISO più alti (400 oppure 800) per avere foto abbastanza luminose e poter tenere tempi di scatto molto bassi; potrai comunque andare poi ad agire ulteriormente in post produzione per sistemare luminosità e saturazioni varie. Mi rendo conto che questo consiglio va un po contro a quello scritto nella guida sul fatto di usare ISO bassi, però dice anche di usare le luci e in questo caso non sarebbe fattibile 🙂
    Spero di aver risposto almeno in parte alla tua domanda, se hai ulteriori commenti sarò felice di risentirti.

  6. scritto da Fabio Raiteri il 02/07/2015

    Ciao Mauro, grazie per averci sottoposto la tua domanda,
    purtroppo anche in questo caso non siamo in una situazione molto favorevole allo scatto di buone fotografie.
    Il vetro davanti è ufficialmente un problema per la foto di quadri, poichè mi verrebbe da dire che sia utilizzando la luce artificiale che quella naturale avrai comunque un riflesso più o meno accentuato.
    Il principio di base per evitare il riflesso è fondamentalmente il fatto di avere un ambiente circostante “buio” o con colori scuri. Ovviamente se vi trovate in un museo o una pinacoteca e volete fotografare un quadro con vetro davanti non avrete la possibilità di modificare la luminosità e colori degli oggetti nella stanza che vengono riflessi, però una cosa utile che mi viene in mente potrebbe essere quella di cercare una posizione da cui fare la foto che permetta un riflesso ridotto degli oggetti o delle fonti di luce della stanza; ovvero di trovare una angolazione per cui non ci siano riflessi evidenti di finestre, lampade o altre fonti luminose. Una volta catturato lo scatto con minor riflesso possibile possiamo come sempre andare ad agire in post produzione e cercare di “coprire” eventuali righe di riflesso. Oltre a questo non penso ci siano altri modi, ma se qualcuno ha suggerimenti può tranquillamente condividerli con noi…grazie, spero di essere stato di aiuto.

  7. scritto da paolo il 11/04/2016

    Salve, dovrò fotografare circa 60 quadri di varie dimensioni di cui 7/8 con vetro. La situazione è questa: stanza di appartamento pareti giallino chiaro grande finestra con tende grigiette niente luci. Ho il cavalletto e pensavo di sfruttare la luce a 45 gradi dalla finestra. Obiettivi 35, 50,90. Suggerimenti? Grazie

  8. scritto da Matteo La Porta il 12/04/2016

    Ciao Paolo,

    il primo consiglio è senz’altro l’utilizzo di un filtro polarizzato per ridurre al minimo i riflessi sul vetro.
    Sposta il cavalletto con la macchina in modo da inquadrare il quadro con meno contorno possibile e scatta in RAW per poter gestire il bilanciamento del bianco in post produzione nel caso notassi viraggi eccessivi verso il giallo o i colori dovessero apparirti differenti dal originale.
    Delle tre lenti in tuo possesso scarterei sicuramente il 35mm ma per scegliere tra il 50 e il 90 mm ci vorrebbero più dettagli come l’apertura massima del obbiettivo, se la tua fotocamera è una full frame o aps-c, nel secondo caso se le ottiche non sono mirate subiranno un fattore di crop che varia a secondo della marca della tua fotocamera. Diciamo che in linea teorica a parità di qualità del ottica per questo tipo di still life opterei per il 90mm che ti consente di riempire meglio il fotogramma.
    Sul apertura con f8 vai sicuramente bene e ti resta solo da valutare il tempo di scatto per ottenere la migliore esposizione ma avendo un cavalletto e un soggetto fisso si tratta solo di fare un po’ di test per ottenere il miglior risultato.
    Infine ti consiglio, se la tua fotocamera lo consente, di impostare il blocco dello specchio per avere il massimo della nitidezza e se non disponi di un telecomando imposta l’auto scatto a 5 secondi per non dover toccare il pulsante di scatto.
    E mi raccomando a lavoro concluso se puoi postaci qualche foto sulla nostra pagina FaceBook https://www.facebook.com/DiventareFotografo.

  9. scritto da Gianluca Ferrario il 03/10/2016

    Ciao a tutti.
    Dovrei fotografare alcuni quadri dipinti da un amico.
    Le fotografie dovrebbero essere di buona qualità per poterle inviare ad un sito specializzato.
    La mia macchina è una EOS 5D (primo modello da 13 Mpx), dispongo dei seguenti obiettivi EF-50 f/1.4, EF-85 f/1.8, EF 24-105L f/4, EF 70-200L f/4: quali mi consigliate ?
    Cercherò di fotografare con luce naturale perché non dispongo di diffusori e faretti: esistono modelli più economici di quelli che avete consigliato ?
    Tenete presente che li userò solo per i quadri, non sono interessato alla fotografia in studio.
    Vi ringrazio per la cortesia e per i suggerimenti che date sul vostro sito.
    Gianluca

  10. scritto da gaetano il 20/10/2016

    quello che non capisco sulle luci e la gradazione cioè, calda fredda o naturale?
    Usando dei fari da 1000watt (ovvio luce calda) con un potenziometro risolvo su fari che costano un occhio della testa? i led possono essere di tre tipi sono sufficienti?
    grazie se mi rispondi urgente

Inserisci un Commento