Fotografo e modella: collaborazione TFCD o TFP

2016-04-12
Fotografo e modella: collaborazione TFCD
Media voti utenti

(5 / 5)

5 5 5
Vota questo articolo

5 utenti hanno votato

Articoli correlati:
  • Pingdom-Speedtest

    Farsi conoscere nel mondo: SEO per fotografi

  • dw0403-6

    Come usare obiettivi grandangolari in modo efficace

  • ballo sposi fotografo matrimonio Andrea Bagnasco

    Il fotografo di matrimonio, che senso ha?

  • ElisaGiorgett_PhotoEG_Winter_IMG_7311

    6 accorgimenti per fotografare meglio

  • dw1204-7

    Fotografia speculare

Ti piace fotografare le persone? Hai maturato un po’ di esperienza ritraendo familiari e amici? Hai svariate idee di scatto, ambientazione, accessori, ma poi non riesci a realizzarle con le persone con cui sei in contatto? Allora potresti pensare di iniziare a fare pratica in modalità TFCD (Time For CD) o TFP (Time For Print).

Si tratta di uno scambio gratuito tra modelle e fotografi; solitamente è una metodologia di lavoro per chi si trova, da entrambe le parti, agli inizi e desidera testare ed esercitare le proprie capacità, ma può capitare che anche due professionisti, in certi momenti della propria attività, decidano di accordarsi con questa modalità per scopi pubblicitari, limitatamente a specifiche necessità o idee.

In generale, da un lato il fotografo che desidera destreggiarsi con una modella farà il possibile per metterla a proprio agio e cercherà di dare il massimo in base alle proprie conoscenze tecniche; dall’altro la modella eserciterà le proprie capacità espressive e di posa, cercando di fare entrambi del proprio meglio, mossi dallo scopo comune di realizzare degli scatti apprezzabili e possibilmente utilizzabili per ampliare portfolio e book.

Quali accordi prendere?

Solitamente le foto vengono selezionate e post prodotte dal fotografo per poi essere consegnate su cd in formato digitale o stampate, ma è fondamentale accordarsi bene prima con la modella, in modo da evitare successivi fraintendimenti; questo vale anche per l’idea di foto che vorreste realizzare: parlatene nei dettagli e concordate per lo meno la tipologia di ambientazione e di look.

Ricordatevi poi che se vorrete pubblicare online le foto necessiterete della liberatoria firmata dalla modella se maggiorenne, dai genitori se minorenne; portate già all’appuntamento i moduli da compilare e firmare, in modo da poter ricevere subito l’autorizzazione.

Cosa aspettarsi da questo incontro?

Per il fotografo, una modella motivata; anche se non esperta, un’aspirante modella dovrebbe presentarsi curata, ben pettinata e truccata, con abiti adeguati e con desiderio di farsi fotografare, avendo un minimo di coscienza del proprio corpo e la conoscenza di qualche posa; in ogni caso meglio comunque non dare nulla per scontato.

Allo stesso tempo prestate attenzione a chi vi sta di fronte: un’aspirante modella desidera poter mostrare la propria immagine al meglio, essere valorizzata e si aspetta che voi le possiate dare delle indicazioni per migliorare pose ed espressività.

Non dimentichiamoci che generalmente lo spirito di questa tipologia di collaborazione tra fotografo e modella è quello di impratichirsi e di trovarsi a un livello di esperienza e di capacità abbastanza equilibrato; se, seppure agli inizi, una delle due parti necessita di un servizio di qualità professionale e di certezze su stile, affidabilità e fruibilità, allora si esce dal confine del TFCD ed è bene rivolgersi a modelle e fotografi professionisti.

Le parole d’ordine per provare questa esperienza sono rispetto e impegno, accompagnati dal desiderio di mettersi in gioco e di sperimentare!

Fotografo e modella: collaborazione TFCD

Foto scattata alla modella Brenda Da Silva in TFCD a scopo ampliamento portfolio gravidanza e ritratto – © 2014 Francesca Zinno

Commenti

Inserisci un Commento