Ottime foto in bianco e nero dalla pellicola a colori

2015-09-29
dw0103-1
Media voti utenti

(0 / 5)

0 5 0
Vota questo articolo

0 utenti hanno votato

Articoli correlati:
  • dw0403-6

    Come usare obiettivi grandangolari in modo efficace

Tutti i diritti riservati

Ho provato ma nulla di buono. Ho usato la pellicola, i filtri speciali, ho anche usato la camera oscura con un condensatore ingranditore e carte a base di fibre…non importava, non sono riuscito a fare neppure una foto decente in bianco e nero. Il problema era che non potevo pre – visualizzare il bianco  e nero in un mondo a colori. Così ho fatto una cosa semplice, mi sono arreso, e ho continuato a fotografare con la pellicola a colori. Fortunatamente l’ho fatto, perché nell’ambiente digitale di oggi, la pellicola a colori offre più flessibilità di costruire una foto in bianco e nero, rispetto a quanto possa offrirla la pellicola in bianco e nero stessa. Quindi, per coloro che sono appassionati dello scatto in  bianco e nero come me, c’è un mondo nascosto in bianco e nero in foto a colori che renderebbe invidiosi anche i migliori “scattatori” in bianco e nero. Diamo un’occhiata più approfondita ai toni di grigio del colore.

 

RGB significa flessibilità

Le immagini catturate da molte fotocamere digitali e dagli scanner sono registrate come diversi ranger di grigio in ciascuno dei tre canali di colore (rosso, verde e blu o RGB). Questi tre canali di bianco e nero quando vengono combinati creano un’immagine colorata (vedi la prima foto). Se si osserva ogni canale della scala di grigio separatamente, si vedono  tre aspetti molto diversi del bianco e nero. Qui sta la flessibilità di usare colori che creano immagini in bianco e nero. Si può prendere la migliore parte del canale rosso, verde e blu separatamente e mischiarli insieme in un magnifico miscuglio di colori che possono creare il migliore bianco e nero che un filtro bianco e nero possa offrire. Guardiamo un po’ di modi in cui possiamo mischiare.

dw0103-1

RGB in scala di grigi è semplice

In molti programmi con cui si modificano le foto, c’è spesso un semplice modo per convertire un’immagine RGB in una “scala di grigio” o una foto in bianco e nero. Molti programmi hanno una formula dove il software prende proporzioni di ogni canale e mischia i toni per dare un’immagine finale in scala di grigi. In Photoshop, il fattore di conversione è 59% di verde, 30% di rosso e 11% di blu per la conversione in foto in bianco e nero (Image/Mode/Grayscale). Con questo software, noi otteniamo un’ immagine in scala di grigio dall’originale  (vedi la seconda foto), ma di solito il risultato non è bello tanto quanto se noi avessimo un maggiore controllo del mix. La foto 2B è la semplice conversione in scala di grigio fatta in Photoshop.

 

Scegliere i propri ingredienti

La miglior cosa da fare quando si pianifica una strategia per la conversione in bianco e nero è dare un’occhiata ai canali separati per vedere ciò che si ha. In Photoshop si muovono le palette dei canali (Windows/Show Channels) e si clicca in ogni canale separatamente. Spesso uno dei canali può risaltare. Se si vede un canale che spicca assolutamente, seleziona questo canale cliccandoci sopra e poi vai su Image>Mode>Grayscale e Photoshop scarterà gli altri due canali dell’ immagine colorata e farà un’immagine in scala di grigio usando solamente le informazioni derivate dal canale selezionato. Per le foto di paesaggi, trovo spesso che il canale rosso o il canale verde da solo possano produrre alcuni aspetti spettacolari. Quindi, prima di fare qualsiasi conversione in scala di grigio, gioca un po’ con i canali per vedere con cosa devi lavorare.

 

Mescolanza di due canalidw0103-2

Spesso due canali (di solito il rosso e il verde) creano un’interessante immagine bianco e nero, ma potrebbe uscire un’immagine migliore con la combinazione di entrambi. Per mischiare entrambi i colori, spesso ricorro a uno dei miei strumenti preferiti di Photoshop, il comando dei calcoli. Questo piccolo modificatore di immagine permette di scegliere i tuoi due canali preferiti e mischiarli insieme come vuoi. Per usarlo vai a: Image>Calculations. Nella finestra di dialogo che segue, si sceglie quali dei canali si vogliono e si  mischiano a piacere (con la modalità mescolamento). Io gioco con differenti percentuali di opacità tra i canali e uso la modalità di mescolamento “normale” fino a quando non ottengo un effetto che mi piace (guarda foto 2C, un 50.-50 mescolamento del canale rosso e del canale verde.) Bisogna assicurarsi di specificare Results>New Document quindi Photoshop saprà di fare una scala di grigio separata dal tuo calcolo di mescolanza. Il risultato è attualmente un canale solitario e necessita di essere convertito in scala di grigio prima che venga usato ulteriormente (per farlo vai su Image>Mode>Grayscale).

 

 

Mescolanza di tre canalidw0103-3

Se  piace l’informazione in tutti e tre i canali e si vuole mescolarli in modo efficace, si può provare il canale Mescolatore attraverso il comando  Photoshop (Image>Adjust>Channel Mixer). Qui sipossono mescolare i canali in infinite combinazioni di opacità usando tutti e tre i canali. La chiave qui è essere sicuri che ci sia il box monocolore e ricordare un’importante regola: per una qualità dell’immagine ottimale assicurarsi che le percentuali scelte dei tre canali arrivino fino a 100% (e.g. rosso 60%, verde 30% e blu 10%, o rosso 200%, verde -70% e blu -30%). Occorre giocare un po’ per capire come funziona il mixer dei canali, ma se si ricorda la regola del 100%,  si possono ottenere fantastici effetti (vedi la foto 2D).

 

 

Mescolanza di tre canali selettivamentedw0103-4

Delle tecniche qui descritte, questa è la più flessibile perché  permette di prendere parti dei canali e mischiarli insieme in una sola immagine. Quindi, si decide  che piace il canale del rosso, si  amano i fiori del canale blu ma si vogliono le montagne del canale verde (come la foto 1), con questa tecnica si può avere tutto questo in un’immagine sola, in tutte le maniere. Nessun’ altra tecnica di bianco e nero offre tanta flessibilità quanto questa.

Immaginiamo che  l’obiettivo sia creare un nuovo documento e trasformare i canali individuali del documento originale in “layers”. I layers sono come copie differenti dell’immagine accatastati uno sopra l’altro. Si pensi a fette accatastate su un tavolo luminoso che formano un palo e si comprende cosa sono i layers. In Photoshop si può abbassare l’opacità di ogni immagine e mescolarla in tutte le combinazioni e tutti gli ordini che si vuole. Quindi, anche solo nel mixer dei canali, si possono usare differenti livelli di opacità per mischiare i tre livelli e ottenere una varietà di effetti. La vera forza dei layers è che si possono “cancellare” selettivamente parti di un layer e rivelare ciò che è nel livello o nei livelli sottostanti. Usando questa caratteristica (chiamata “layers masks”) è permesso cogliere la migliore parte di ogni canale (adesso nella forma di livelli) e costruire la migliore immagine in bianco e nero possibile. Questa è unadw0103-5 tecnica avanzata di Photoshop, quindi se si è alle prime armi bisgnerebbe imparare qualcosa riguardo i layers e la layers masks prima di provare gli step elencati sotto:

 

  1. Clicca sul primo canale nei tuoi documenti (il canale rosso) nella tavolozza dei canali. Copia questo canale negli appunti del tuo computer (Select>All, poi Edit>Copy). Crea un nuovo documento (File>New, poi clicca OK). Photoshop crea un nuovo documento nella misura corretta. Adesso passa le informazioni dagli appunti al nuovo documento (Edit>Paste) e voila, un nuovo livello in un nuovo documento è stato creato dal canale rosso.
  2. Torna indietro all’originale colore del documento, seleziona il canale verde cliccandoci sopra e ripeti il primo step (Select>All, poi Edit>Copy). Adesso vai al nuovo documento e incolla il canale verde (Edit>Paste). Ripeti questo step per il canale blu.
  3. Il risultato sarà tre livelli in un nuovo documento basato sui canali del vecchio documento.
  4. Semplicemente variando l’ordine dei livelli (spostano un livello sopra l’altro) e giocando con l’opacità dei livelli, puoi mischiare i tre livelli come vuoi. Questo lavora come il mixer dei canali ma è più intuitivo.
  5. Per il massimo controllo aggiungi layer masks (Layer>Add Layer Mask>Reveal All) per i primi due livelli. Nel caso colorassi sulla layer mask con un pennello nero, lo strato sottostante dal dw0103-6basso viene rivelato. Pianificando l’ordinamento dei vostri strati con attenzione e con maschere di livello, è possibile dipingere via le aree che non ti piacciono e rivelare le zone dagli strati sottostanti che non ti piacciono. Se fai uno sbaglio, dipingi sopra l’area con il bianco, le informazioni del livello ritornano. Le maschere dei livelli aggiungono il massimo dei termini in flessibilità. Le maschere dei livelli richiedono un po’ di pratica per usarli e per capirli, quindi di nuovo, se tutto questo è nuovo per te esci dal tutorial di Photoshop e impara come usare i livelli e le maschere dei livelli. Sarai contento di averlo fatto.
  1. Infine, appiattita l’immagine per rimuovere i livelli. La foto 2E è il risultato finale dove ho preso le migliori informazioni da tutti i tre canali e li ho selettivamente mischiati in una foto. Spesso vorrei riconvertire il risultato di scala di grigio a RGB e poi aggiungere un tono di colore, come faresti in una camera oscura.

 

La foto 3 è un’immagine composita di un mio paesaggio, convertita usando il metodo del mixer di canali  e un lupo di Tom Kitchin, dove ho usato solo il canale verde. Utilizzando differenti metodi di conversione in bianco e nero nella stessa immagine, esce la miglior foto possibile. Ho usato i livelli e le maschere dei livelli per montare le due immagini e dopo ho dato selettivamente un tono col colore.

dw0103-7

I software d’immagini di oggi fanno conversioni da immagini a colori a bianco e nero in un attimo, ma come in ogni semplice approccio “schiaccia un bottone”, si perde flessibilità. Usando canali o livelli e facendo selettivamente il proprio mix,  sarà molto più semplice creare capolavori personali in bianco e nero.

 

Un ringraziamento particolare a Noemi Rubini per la collaborazione alla stesura di questo articolo.

Commenti

Inserisci un Commento