Teleobiettivi per immagini ad alto impatto paesaggistico

2012-10-26
SAM2321
Media voti utenti

(5 / 5)

5 5 5
Vota questo articolo

5 utenti hanno votato

Articoli correlati:
  • Pingdom-Speedtest

    Farsi conoscere nel mondo: SEO per fotografi

  • dw0403-6

    Come usare obiettivi grandangolari in modo efficace

  • Fotografo e modella: collaborazione TFCD

    Fotografo e modella: collaborazione TFCD o TFP

  • ballo sposi fotografo matrimonio Andrea Bagnasco

    Il fotografo di matrimonio, che senso ha?

  • ElisaGiorgett_PhotoEG_Winter_IMG_7311

    6 accorgimenti per fotografare meglio


Se chiedete a qualche fotografo di dirvi qual’è il miglior obiettivo per la fotografia paesaggistica, la stragrande maggioranza vi dirà: un obiettivo zoom grandangolare.

Dopo tutto, non c’è niente di meglio per catturare un paesaggio di un obiettivo che può immortalare tutta la scena dal primo piano, in vicinanza, fino allo sfondo, più lontano! Lo zoom grandangolare è un obiettivo potente per la fotografia a paesaggi, ma lo è altrettanto un teleobiettivo zoom, solo che molti fotografi non lo prendono nemmeno in considerazione per foto paesaggistiche.

Se ci pensate bene molte delle vostre migliori foto fatte a paesaggi sono state scattate con qualche teleobiettivo o teleobiettivo zoom, poichè questi creano immagini graficamente migliori e riescono ad estrarre il meglio dal paesaggio. Diamo uno sguardo più da vicino alla scelta del teleobiettivo per la fotografia panorama creativa.

©Samantha Chrysanthou – Two Jack Lake, Banff (70-200mm lens)

Avvicinare attraverso il teleobiettivo

L’uso più evidente di un teleobiettivo è quello di portare un soggetto distante più vicino. I fotografi della natura selvaggia utilizzano i teleobiettivi perché solitamente non possono, non devono, o non vogliono avvicinarsi ai loro soggetti (selvatici e talvolta pericolosi, ad esempio gli orsi, le puzzole, i serpenti a sonagli, ecc..).

A volte, nella fotografia paesaggistica, semplicemente non è possibile avvicinarsi ai soggetti che sono interessanti per lo scatto, come ad esempio quando un canyon si trova tra noi e il nostro soggetto, oppure quando un recinto con il cartello ‘vietato l’ingresso’ ci impedisce di avvicinarci al nostro soggetto. Qualunque sia il motivo reale, spesso un teleobiettivo o teleobiettivo zoom è l’unica soluzione per portare in primo piano un soggetto lontano.

Pensate a queste lenti come se fossero un binocolo per la vostra fotocamera, che ingrandire una scena distante.

©Darwin Wiggett – Athabasca Glacier, Jasper (70-200mm lens)

Immagini creative attraverso un teleobiettivo

La maggior parte dei fotografi utilizza un teleobiettivo solamente per avvicinare un oggetto che si trova lontano.

Ma un teleobiettivo è un potente strumento creativo quando si padroneggiano gli effetti che esso può avere su una scena. Una lente normale (ad esempio, 50 mm su una fotocamera full frame) ci mostra la prospettiva tra primo piano e sfondo in modo molto simile al modo in cui l’occhio umano vede la prospettiva. Un obiettivo grandangolare renderà la parte in primo piano più grande e la parte dello sfondo più piccola con un aumento della distanza apparente tra primo piano e sfondo.

Un teleobiettivo invece fa il contrario: imprime lo sfondo più grande che incombe su un primo piano di piccole dimensioni. Quindi, anche se è possibile avvicinarsi al soggetto, si potrebbe desiderare di utilizzare un teleobiettivo piuttosto che un grandangolo o lente normale per modificare il messaggio che si vuole dare allo spettatore.

©Samantha Chrysanthou – Saskatchewan (70-300mm lens)

Immaginate un nodoso albero di pino in un prato nelle rocciose montagne canadesi. Avvicinatevi all’albero con un obiettivo grandangolare ed otterrete una foto con un albero in primo piano di grandi dimensioni e le cime sullo sfondo che saranno piccole e distanti.

Poi allontanati dall’albero e utilizza un teleobiettivo per inSe chiedete a qualche fotografo di dirvi qual’è il miglior obiettivo per la fotografia  paesaggistica, la stragrande maggioranza vi dirà: un obiettivo zoom grandangolare. Dopo tutto, non c’è niente di meglio per catturare un paesaggio di un obiettivo che può immortalare tutta la scena dal primo piano, in vicinanza, fino allo sfondo, più lontano!

Lo zoom grandangolare è un obiettivo potente per la fotografia a paesaggi, ma lo è altrettanto un teleobiettivo zoom, solo che molti fotoquadrare l’albero in una composizione simile alla precedente, e vedrete che questa volta l’albero sembrerà più piccolo e le montagne sullo sfondo di grandi dimensioni. Il messaggio delle due foto è molto diverso. Solo perché è possibile avvicinarsi al soggetto non significa che si dove farlo per forza. Considerate come gli effetti di compressione di un teleobiettivo sarebbero più adatti al soggetto e l’atmosfera della foto.

©Darwin Wiggett – Canola and Rockies (300mm lens)

Immagine estrattiva e grafica

I teleobiettivi possono anche avere un angolo ristretto di visuale ed imprimere su una fetta sottile un’ampia scena. Grazie a questa qualità risulta più facile estrarre porzioni di una scena e trasformare il vostro paesaggio in grafica astratta. Una volta che si impara a vedere nel modo in cui vede un teleobiettivo, troverete centinaia di immagini che possono essere estratte da un paesaggio ampio, le possibilità sono infinite! Le composizioni sono semplificate in pure linee e forme. Nulla allena di più la nostra mente ed il nostro occhio che vedere oltre l’ovvio di un teleobiettivo. Quindi, uscite con il vostro obiettivo 70-200, 70-300, o 100-400mm e sbizzarrite la vostra creatività sul paesaggio che vi circonda.

©Samantha Chrysanthou – Vermilion Lakes, Banff (70-300mm lens)

 

©Darwin Wiggett – Abraham Lake (120-400mm lens)

©Samantha Chrysanthou – Vermilion Lakes, Banff (70-300mm lens)

Per maggiori informazioni: www.oopoomoo.com

Commenti

  1. scritto da vincenzo bazzani il 16/09/2014

    Naturalmente anchio sono un appassionato di fotografia paesaggistica , possiedo tre ottiche , Canon ef 16/35 , Canon ef 24/70 , e Canon ef 70/200 no is Ma sinceramente uso al 90% il 24/70 e il 70/200 , non e” che non serva il grandangolo , ma non mi soddisfa come le altre due ottiche Cordiali saluti Vincenzo Bazzani !!!!!

  2. scritto da vincenzo bazzani il 18/01/2015

    Per fare foto davvero interessanti col Grandangolo , bisogna mettere in primo piano delle quinte , termine teatrale !!! Praticamente significa mettere in primo piano un qualcosa , ad esempio , un albero , una barca , una vecchia Casa ……….. Un qualcosa insomma , che dia respiro alla foto , che guidi l”occhio di chi osserva la Foto verso lo sfondo , in termine tecnico una linea guida , che obblighi lo spettatore , ad osservare sia il primo piano , che lo sfondo , godendosi cosi” l”intera foto !!!!!!!!!!!!!

Inserisci un Commento